Valutazione attuale: 5 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella attiva
 
Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn

Google Analytics: importanza del monitoraggio

Perchè è importante monitorare il traffico verso il proprio sito?
Realizzare un sito web ed investire nel web marketing è sicuramente una scelta importante da fare per portare traffico al proprio sito internet, individuare nuove opportunità di mercato e aumentare di conseguenza le vendite e ampliare le proprie quote di mercato.
Investire tempo e fatica, oltre che denaro, nelle attività di ottimizzazione per i motori di ricerca (SEO), nelle varie attività di SEM e di Social Media Marketing è un passo decisivo, ma non l'unico. Infatti, utilizzare strumenti di analisi e monitorare le campagne SEM e i propri sforzi in attività di marketing online aiutano a capire quello che funziona e ciò che non va bene, quali delle tue strategie e attività di web marketing stanno portando dei frutti e quali azioni sono necessarie da adottare per ottenere migliori risultati risparmiando tempo e denaro. Sul mercato esistono tantissimi strumenti di analisi, gratuiti e a pagamento, che possono essere utilizzati ognuno con le proprie peculiarità e vantaggi. Noi, in particolare, ci soffermeremo su Google Analytics per darvi qualche indicazione utile alla vostra azienda per iniziare ad utilizzarlo per monitorare la vostra attività.

Cos' è Google Analytics?
Sicuramente è lo strumento di web analytics più popolare e più utilizzato tra gli strumenti di web analytics. E' in grado di aiutare specialisti di web marketing e titolari di piccole e medie aziende a capire meglio la tipologia e caratteristiche dei visitatori, sorgenti di traffico, conversioni, frequenza di rimbalzo, statistiche di ricerca a pagamento, e altro ancora. E' abbastanza intuitivo per chiunque voglia usarlo, ma è necessario approfondire e studiare bene lo strumento per sfruttare a pieno le opportunità fornite e per ottenere tutti i vantaggi di Google Analytics. Ha avuto successo perché è gratuito, si integra con le altre piattaforme di Google: strumenti per webmaster, Adwords e Ad Sense ed è possibile monitorare inoltre qualsiasi tipo di dispositivo ed anche campagne off line.

Configurazioni base per iniziare?
Se si dispone di un account google basta semplicemente accedere al sito di Google Analytics per iniziare, altrimenti occorre preventivamente registrarsi e creare un account. Il passo successivo è quello di impostare l’account con le informazioni di base, quali:

  • nome account
  • nome sito web
  • url del sito web
  • categoria del sito web e fuso orario

e ottenere così il codice di monitoraggio, che servirà al vostro webmaster e dovrà essere inserito nel codice html del proprio sito web per iniziare a raccogliere e inviare i dati sull’utilizzo del proprio sito internet al tuo account. Una volta implementato il codice si potrà procedere a configurare il proprio account, questa è una fase molto importante perchè le impostazioni che si andranno a mettere influiranno sulla presentazione dei dati nei rapporti.

Dal menù amministrazione di Google Analytics si configurano i parametri più importanti relativi all’account, alle proprietà e alle viste.

Google Analytics: configurazione base
Vediamo meglio come funzionano...

Account: rappresenta il livello massimo dove sono inserite le impostazioni principali.
Proprietà: può essere un sito web, un’app per dispositivi mobili, o altro. Un account può avere una o più proprietà e ognuna avrà il proprio codice di monitoraggio da utilizzare per raccogliere i dati sul traffico relativi a quella proprietà.
Vista: è una raffigurazione dei dati di traffico di una proprietà. In pratica è dove si visualizzano i rapporti. Una proprietà può avere una o più viste che possono essere definite con l’applicazione di uno o più filtri. Quindi si potrà avere una vista completa di tutto il sito web, una vista relativa al traffico di un determinato paese/località, o del traffico proveniente da una determinata sorgente (es. i social). È molto importante mantenere sempre una vista con i dati globali altrimenti se si applicano i filtri su un’unica vista non si avranno più a disposizione i dati generali del sito web.

Nel menù amministrazione si gestiscono anche gli utenti autorizzati ad accedere e compiere azioni sull’account. È possibile assegnare ad un utente quattro livelli di autorizzazione: gestione utenti, modifica, collabora, leggi e analizza ed è possibile assegnare anche diverse autorizzazioni a livello di account, proprietà e viste.

Una volta creato e impostato account, proprietà, viste e utenti è possibile iniziare a visualizzare i rapporti sul traffico del sito. Nel prossimo articolo vedremo meglio quali sono i report principali per monitorare e tenere sotto controllo l’andamento del proprio sito web.

Elenco categorie

  • Page Speed Performance

    I nostri consigli e le tecniche per migliorare le performance dei siti web costruiti in Joomla, attraverso l'utilizzo di tools messi a disposizione dei webmaster come YSlow di Yahoo e PageSpeed di Google. In particolare andremo ad analizzare nello specifico quest'ultimo tool.

  • E-commerce

    I consigli, le tecniche e gli strumenti utili per creare, ottimizzare e rendere più efficace un sito e-commerce.

  • Report e Analytics

    I consigli, le tecniche e gli strumenti di Analytics per monitorare il traffico verso il proprio sito web: importanza del monitoraggio, configurazioni base e report

Gestionale Hotel